giovedì 22 febbraio 2007

COMUNICATO STAMPA

Comunicato Stampa



Esprinet SPA, annunciati 30 esuberi:sciopero e manifestazione a Milano



Dopo la dichiarazione di 30 esuberi avvenuta durante l’incontro sindacale di verifica del procedimento in atto (acquisizione di Actebis da parte di Esprinet,entrambi distributori all’ingrosso di materiale informatico con sedi a Nova Milanese,Cambiago e Settala),i lavoratori hanno deciso in assemblea la proclamazione di uno sciopero di 4 ore per la giornata di Lunedì 26 Febbraio.

L’iniziativa, in difesa dell’occupazione e contro l’utilizzo spregiudicato e disinvolto degli istituti di affitto e di acquisizione aziendale,convergerà in una manifestazione-presidio di fronte allo studio legale che rappresenta ed assiste Esprinet Spa.

I lavoratori di Esprinet e di Actebis si troveranno in Piazza San Babila a Milano (Galleria Passarella 1)alle ore 16 di lunedì 26 Febbraio 2007.




Milano,22/02/2007


Nicola Cappelletti Marco Erri
Filcams-CGIL di Milano Filcams-CGIL Brianza

14 commenti:

Anonimo ha detto...

oggi stanno smontando scrivanie, portando via cose e buttando tutto quello che trovano!
nessuno ufficilizza cosa ne sarà della sede di Caleppio e non si sa se il giorno dopo troverai ancora la tua scrivania!!!
un comportamento da "signori"...

Anonimo ha detto...

Avete segnato i nomi di chi ha alzato la mano durante la riunione, dicendo che partecipera' alla manifestazione?
Bene, perche' sono certo che qualcuno non potra', qualcuno avra' la febbre e qualcuno dovra' accompagnare il fidanzato o la moglie a fare compere...

Anonimo ha detto...

non è segnando i nomi che ottieni la partecipazione della gente....piuttosto facendo capire l'importanza dello stare uniti e NON MOSTRARSI DISPONIBILI A FARSI METTERE I PIEDI IN TESTA da chi arrogantemente pensa di avere il diritto di disporre della nostra vita a suo piacimento solo per il suo profitto!

Anonimo ha detto...

Scendiamo tutti in piazza,senza esitazione!Forza col tamtam!

Anonimo ha detto...

vale anche per i nostri colleghi di Nova! fate sentire anche voi tutti (non solo gli "ex-actebis")che non siete disposti ad accettare il non rispetto e la non tutela dei posti di lavoro, specialmente in una azienda che va a gonfie vele e non ha certo problemi di esuberi!

Anonimo ha detto...

sono il Pin,
volevo solo dirvi che da martedì mi hanno detto che tornerò a Caleppio....
ovviamente io sarò li lunedì mattina perchè qui a farmi prendere per il culo non ci vengo di certo!!!

Anonimo ha detto...

riporto link del sito 01Net che indica la smentita degli esuberi :http://www.cdvweb.it/01NET/HP/0,1254,2_ART_76710,00.html

incredibile la faccia tosta, ma grande l'opportunita' di allargare il confronto su uno dei siti di settore, un altro bel botta e risposta creerebbe la cosa che piu' sappiamo essere il punto debole di esprinet...La paura di perdere l'immagine della prima classe!

filcams ha detto...

Quel link non mi funziona,se riesci fai un copia/incolla delle dichiarazioni della direzione di Esprinet.
Grazie.
Nello stesso sito invece ho trovato questo:
Computer Dealer & Var/Operatori/Distributori
Trenta esuberi per Esprinet
Conseguenza dell'acquisizione della filiale italiana di Actebis dei mesi scorsi

21 Febbraio 2007
Le acquisizioni spesso non sono indolori. Se ne sono accorti anche i lavoratori di Actebis Italia recentemente acquistata da Esprinet. L'operazione comporta una trentina di esuberi che il distributore ha comunicato in questi giorni alle rappresentanza sindacali. Il seguito è quello classico di queste situazioni. “Rottura del tavolo delle trattative”, comunicato sindacale e convocazione dell'assemblea dei lavoratori che dovrà decidere le “opportune iniziative di lotta”. In più questa volta c'è anche un blog, http://lavoratoriactebis.blogspot.com/ dei lavoratori che tentano in questo modo di tenere desta l'attenzione sulla loro vicenda.

Anonimo ha detto...

Ansa
ESPRINET (MI): 30 ESUBERI, 26/2 SCIOPERO E PRESIDIO



Si fermeranno per quattro ore, lunedì 26 febbraio, i lavoratori della Esprinet e della Actebis, distributori informatici dell’hinterland milanese. La decisione è stata presa dopo l’assemblea seguita alla cancellazione di trenta posti di lavoro. Gli esuberi contestati rientrano nel progetto di acquisizione di Actebis da parte di Esprinet. Fanno sapere Nicola Cappelletti (Filcams Milano) e Marco Erri (Filcams Brianza): “ L’iniziativa, in difesa dell’occupazione e contro l’utilizzo spregiudicato e disinvolto degli istituti di affitto e di acquisizione aziendale, convergerà in una manifestazione-presidio di fronte allo studio legale che rappresenta ed assiste Esprinet Spa”. I lavoratori di Esprinet e di Actebis si sono dati appuntamento, lo stesso lunedì 26, in Piazza San Babila a Milano (Galleria Passarella 1) alle ore 16

Anonimo ha detto...

Ho trovato la dichiarazione "di fonte ufficiale" Esprinet.
Mi pare impacciata ed evasiva,un tentativo maldestro di giustificarsi.Per noi,invece,un ulteriore ragione di sciopero...!Di seguito il copia/incolla della posizione aziendale:


"Trenta esuberi per Esprinet
Da fonti ufficiali Esprinet arriva una precisazione in merito alla notizia apparsa nei giorni scorsi e relativa ai 30 esuberi annunciati nel quadro del processo di acquisizione di Actebis.

“In questo momento, Esprinet sta ancora lavorando all'integrazione delle due strutture. Non è al momento fondato parlare di esuberi, tantomeno lo è la quantificazione apparsa sul comunicato dei dipendenti di Actebis”.

La direzione di Esprinet comunica che sarà sua cura rendere noti gli sviluppi non appena disponibili. "

Anonimo ha detto...

Aggiungo che la dichiarazione aziendale risulta quasi imbarazzante per la direzione di esprinet:in trattativa hanno ufficializzato 30 esuberi ed,immediatamente,hanno rotto il tavolo sindacale.
Comunque se volessero smentirlo formalmente(e non in modo ambiguo come nella loro comunicazione ufficiosa apparsa nel sito di cdb)ne saremmo davvero soddisfatti.

Anonimo ha detto...

Dopo la grande bolla speculativa riguardante Internet e, più in generale, l’informatica e le telecomunicazioni, che ha attraversato l’Italia negli anni scorsi, ecco giungere pesantemente la crisi industriale e commerciale anche nel settore delle nuove tecnologie. Settore delicato, perché composto essenzialmente da lavoratori giovani, troppo giovani per pensare ad un prepensionamento, fortemente specializzati e spesso precari. Desta infatti molta preoccupazione il fatto che Esprinet, azienda con sede a Nova Milanese che opera nella distribuzione all’ingrosso di informatica ed elettronica di consumo, ha annunciato alle organizzazione sindacali che ci sono 30 lavoratori in esubero. Non è affatto un caso isolato. Salta semmai all’occhio che questo “esubero” di forza lavoro nasce subito dopo l’acquisizione, da parte di Esprinet, di Actebis, altra azienda di distribuzione. Per chi non è “addetto ai lavori” potrebbe infatti apparire un po’ strano che un azienda in grado di acquisirne altre vada in crisi occupazionale.

fonte
http://www.altrenotizie.org/alt/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=14690

Anonimo ha detto...

Dicono di noi e della nostra lotta:

http://forum.zeusnews.com/viewtopic.php?t=20272


http://punto-informatico.it/pm.aspx?m_id=1899357&id=1899172&r=PI

Anonimo ha detto...

Hello everyone! I do not know where to start but hope this site will be useful for me.
In first steps it's very good if someone supports you, so hope to meet friendly and helpful people here. Let me know if I can help you.
Thanks in advance and good luck! :)